Casa

28 febbraio 2012

Ho girato Torino con le chiavi della nuova casa nella tasca destra dei pantaloni, ad ogni pedalata sentivo spingere sulla pancia la prospettiva, diventata reale di entrare in questa casa, da cui adesso scrivo.
Ho passato la mattina ad averne paura, pedalando, dicendomi continuamente che avrei potuto certo farne a meno, che la casa è prima di tutto cercare di portare a buon fine una giornata che possa dirsi dignitosa, e tutta una serie di alte riflessioni che senvivano solo ad attenuare quella paura antica che avevo sopito con i pedali. La paura di perdere tutto un’altra volta e ritrovare la rabbia di chi sente addosso l’igiustizia di ogni cosa ingiusta. Paura e rabbia mi hanno fatto piccolo, lo scrivo con lacrime e tenerezza verso me stesso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: