La cassiera

30 gennaio 2011

cassi
La cassiera del discaunt è proprio stonza.L'altro giorno mi ha fatto posare lo zaino in cassa, immaginando forse che volessi fottermi qualcosa. Arrivato alla cassa mi sono accorto di aver lasciato il portafogli a casa di Enrica. Mi sono scusato dicendole che sarei tornato subito a pagare la spesa. Al ritorno aveva già rimesso la mia spesa negli scaffali. Che stronza, talmente stronza che potrei innamorarmi di una cassiera del discaunt.

Immagino che grande amore potrebbe nascere con una piccola femmina dalle dita annerate dalla tastiera compiuterizzata della sua cassa.

Stefano! Togliti le scarpe quando entri in casa.

Stefano! Tagliati le unghie e lavati i piedi. 

Stefano! Fuma sul balcone.

Stefano! Lo sai che sono la tua trioai vero?

Stefano! Spaccami come una mela!

Bastardo! Dovevi dirmelo subito che non ti piacciono le mele.

E Io: Scusa amore credo sia un effetto indesiderato della favola di Biancaneve.

2 Risposte to “La cassiera”

  1. onomatopeica Says:

    Le commesse inacidite, mamma mia che odio viscerale. Sarà che mi ricordano mia madre. Lei faceva la catechista ma era stronza uguale.

  2. forgetyou Says:

    Con tutto rispetto per quelle poche commesse gentili (se ancora esistono), ma è risaputo che se non sei brutta e acida non ti prendono a lavorare in cassa al discount. Poi vabbè poveracce col lavoro che fanno e quel poco che le pagano sfido chiunque a non essere isterico/a.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: