26 marzo 2010

Non riesco più a scrivere.

Sbattuto nello  stupore di una vita nuova che indosso come un cappotto sulla vita di sempre.

La paura della morte, del declino, gli amori terminati e mai finiti, che appaiono in Rem.

L’ossigeno di ricongiungimenti dal sapore del funerale, non c’è nulla di più doloroso di veder seppellite persone ancora vive.

E la distanza scandita da palate di terra e tempo, non copre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: