Seconda Edizione

25 settembre 2009

In queste settimane ho ripreso il libro in mano per la seconda edizione in cui saranno inseriti quei racconti per i quali non avevo avuto il benestare da parte dei protagonisti e che dopo la prima edizione fortunatamente mi è stato concesso pubblicare.

Ho rimesso mano anche a quelli pubblicati laddove ho ritenuto opportuno dilatare ed arricchire.
Per coloro che hanno gia letto il libro ho evidenziato in questo post le integrazioni in rosso.


Il libro attualmente è esaurito, conto di ripubblicarlo entro dicembre
https://i1.wp.com/lh5.ggpht.com/_FkTYIqG_BB4/Sj4ucJ2i3EI/AAAAAAAAAYw/zCW7QZf31Bw/Libro-penna-righello-fogli.jpg
Vaffanculo col cuore

Ho una gran voglia di mandare tutti a fare in culo, assistenti sociali, psicologa e gli educatori del centro diurno: la loro arte terapia da circolo parrocchiale con annessi complimenti per ogni porcata si faccia con i colori, le interpretazioni sull’uso del colore speso, sugli spazi lasciati vuoti, ma la cosa più triste sono io che alimento questo giochetto dell’utente talentuoso che dipinge cadaveri e muri, consapevole di nutrire il loro narcisismo  di educatori affamati di successi.
Mi sento una puttana.
Alcolista psichiatrico lo accetto perché mi appartiene fino in fondo, ma puttana impotente non riesco ad accettarlo. Cazzo, pensavo di valere un po’ di più, non mi vedo a scodinzolare davanti all’assistente sociale oltre quello che ho già fatto. Sono qui a fare l’utente modello, dal pensiero raffinato, adeguato, oltremodo consapevole e pronto a disciplinarsi per un trionfale reinserimento nel mondo della normalità.
Mi sto condannando da solo e con dentro la sensazione di poter ancora fare molto per la mia vita.
Ma dove sono finiti i miei sogni, la mia voglia di giustizia, di contribuire alla costruzione di un mondo meno peggiore di come l’ho trovato? La passione per la  chitarra, lo sport e tanto altro ancora.
C’è poi quell’antico progetto che misi in cantiere quando avevo sedici anni in cui mi ripromisi di arrivare a quarant’anni sollevato dalle mie angosce per diventare un bel uomo con al seguito una piccola truppa di donne innamorate. Ci ho creduto in quel progetto, ero convinto che sarebbe stato possibile liberarmi della bruttezza della mia vita, ero fiducioso che sarebbe dovuto passare del tempo e ora alla soglia dei quaranta non ho intenzione di fare l’animale addomesticato dei servizi sociali. Guardo questi professionisti del benessere altrui e spesso nelle  loro facce non trovo felicità o soddisfazione per il lavoro che hanno scelto, mi pare che questi facciano persino fatica ad assistere se stessi figuriamoci un un cicloturista bipolare con una storia complessa come la mia. Ed è da questa considerazione che credo di dover ripartire.
Da alcune settimane l’assistente sociale e la psigologa sembrano aver messo a punto una nuova modalità di colloqui: mentre parlo di me, delle mie esigenze delle paure per il futuro che ancora non si intravede, piegate sulla tastiera del compiuter cercano affannosamente di fermare in digitale i passaggi salienti dei miei racconti. Occhi puntati sul monitor e forse anche la sensazione di appartenere alla modernità, di essere entrate in possesso di un metodo rivoluzionario e moderno.
Mi sembra quasi di vederle scodinzolare mentre schiacciano le mie faticose parole. La psicologa ha poco più di tentanni, un buon ritmo sulla tastiera, non perde un colpo, gli occhi  fissi sullo schermo. Mi sento di troppo, vorrei uscire e lasciarli soli ma mi allieta la sapinte scollatura del Taierino da manager e mentre lei flerta col Pc io mi concedo una lunga escursione nella camicietta.
Chissa quanto guadagna? Ha un contratto a tempo indeterminato? A cosa pensa quando le parlo. Forse la poverina è assunta con un contratto a tempo determinato oppure uno a progetto.
Se così fosse, io in questo monento rappresento il suo progetto, ed  ho la netta sensazione che questo non la entusiasmi affatto.
Certo che sono messo bene.

Non è ancora tempo di delegare le mie sorti alle generosissime scollature della psicologa. Direi che dopo il terzo litro di sperma versati su quella pelle dotta e levigata siano sufficienti e che sia arrivato il momento di smontare le tende.

4 Risposte to “Seconda Edizione”

  1. cosentinonico Says:

    sono felice per due motivi. sia perchè hai venduto tutte le copie della prima edizione, sia perchè con la ristampa avrò anche io il piacere di leggerlo

  2. Saamaya Says:

    sei un mito!!

  3. Niccky Says:

    Seconda edizioneeee????
    Gia’ mi prenoto…buon lavoro scrittore,non ti si sente piu’ in giro…sigh sigh….
    Ciao Stefanuccio:D

  4. analkoliker Says:

    Nikk,
    Ho problemi cil PC e la connessione per cui non riesco a seguire gli amici, ma spero a breve di risolvere tutto con un nuovo Pc che dovrebbe portarmi un amico.
    Ti abbraccio forte


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: